Il Blog per chi ama l'Irlanda

Irlanda: esce dal lockdown ma con cautela

Finalmente l’Irlanda si prepara a uscire dal lockdown imposto dal Governo Irlandese per ridurre la diffusione del virus che in questi mesi ha fatto preoccupare tutti. Sarà un percorso che durerà circa tre mesi suddiviso in 5 fasi.
Molti ci stanno scrivendo per avere informazioni circa la possibilità di tornare in Irlanda per vacanza o per cercare lavoro. Nell’aria si sente il profumo di una ritrovata libertà e la mente, per molti, corre veloce alle vacanze 2020. Tante persone che seguono il nostro blog ci scrivono che sentono una impellente necessità di venire a rigenerarsi anima, corpo e spirito in questa terra così affascinante.
Ma prima che ciò possa avvenire, occorre che l’Irlanda superi a pieni voti il programma di allentamento delle misure anti covid realizzato dal Governo Irlandese.

Tabella di marcia per l’eliminazione delle restrizioni COVID-19

FASE 1 – Dal 18 maggio al 7 giugno 2020

  • RESTA A CASA Continua a rimanere attiva la richiesta di rimanere a casa il più possibile;
  • INCONTRO DI PICCOLI GRUPPI ALL’ESTERNO – Fino a 4 persone che non vivono insieme possono incontrarsi all’aperto mantenendo almeno 2 metri di distanza;
  • FUNERALI – Le attuali restrizioni rimarranno in vigore. La partecipazione ai funerali è limitata a un massimo di 10 persone – e solo ai membri della famiglia,  o agli amici intimi se il defunto non ha familiari.
  • NEGOZI OUTDOOR – I negozi che sono principalmente all’aperto (ad esempio: garden center, negozi di ferramenta, mercati degli agricoltori) possono riaprire a condizione che possano essere messe in atto misure di allontanamento sociale.
  • NEGOZI CHE POSSONO RIAPRIRE – vi rimando al link governativo per informazioni specifiche.
  • ISTRUZIONE E ASSISTENZA ALL’INFANZIA – Gli edifici scolastici e universitari saranno riaperti agli insegnanti per l’accesso e l’organizzazione delle lezioni che continueranno in remoto.
  • PERSONALE DIPENDENTE E PICCOLI IMPRENDITORI CHE LAVORANO OUTDOOR – Sarà consentito un ritorno graduale di lavoratori esterni (ad esempio: operai edili, giardinieri, comprese le persone che lavorano su riparazioni). I requisiti di allontanamento sociale continueranno ad applicarsi.
  • LAVORO A DISTANZA O SMARTWORKING – Il lavoro a distanza deve continuare per tutti i lavoratori o le imprese che possono attualmente farlo.
  • SPORT E TURISMO
    – SPAZI ESTERNI – Spazi all’aperto e siti turistici (ad esempio: parcheggi, spiagge, passeggiate in montagna) saranno aperti dove le persone possono muoversi liberamente e dove è possibile mantenere le distanze sociali.
    – CAMPI SPORTIVI PUBBLICI – I servizi sportivi pubblici (ad esempio: campi da tennis, campi da golf) possono essere aperti dove è possibile mantenere le distanze sociali.
    – ALLENAMENTO DI GRUPPO – Le persone possono allenarsi – da sole o in un gruppo di non più di 4 persone – dove è possibile mantenere le distanze sociali e dove non vi è alcun contatto con altre persone.
  • ASSISTENZA SANITARIA E SOCIALE:
    L’emergenza COVID-19 fino ad oggi ha concentrato gli sforzi sanitari solo sul virus. Da lunedì 18 maggio aumenterà l’offerta di assistenza e servizi anche su altre patologie oltre che sul COVID-19 :
    – attuando misure per garantire l’erogazione sicura delle cure e dei servizi COVID-19 e non COVID-19 fianco a fianco;
    – continuando a fornire assistenza e servizi in nuovi modi (ad esempio: tramite telefono, online, cliniche virtuali) e nuovi modelli di assistenza per soddisfare la domanda e alleviare le preoccupazioni dei pazienti, degli utenti dei servizi e degli operatori sanitari;
    – mantenendo in uso le mascherine, dispositivi di protezione individuale ed altre misure che possono emergere nel tempo;
    – continuando a sostenere le iniziative di salute e benessere mentale volte a soddisfare le diverse esigenze di resilienza del pubblico durante questi periodi.

FASE 2 – DALL’ 8 GIUGNO AL 28 GIUGNO 2020

Queste misure fanno parte della SECONDA FASE di revoca delle restrizioni di salute pubblica che sono state messe in atto. Entrano in vigore in aggiunta alle misure nella fase 1.
Queste misure fanno parte della tabella di marcia per allentare le restrizioni. Sono solo un’indicazione di cosa potrà  accadere nel momento in cui si verifica una flessione ancora maggiore dei contagi. Queste misure entreranno in vigore solo quando il National Emergency Health Team afferma che le condizioni sono giuste per un maggiore allentamento delle restrizioni in atto.

  • RESTA A CASA – Il consiglio sarà di evitare viaggi inutili ove possibile. Si potrà viaggiare fino a 20 chilometri dalla propria abitazione in contrapposizione al limite di 5 chilometri in vigore dal 5 maggio.
  • VISITE SOCIALI – Fino a 4 persone possono visitare un’altra famiglia per un breve periodo di tempo, ma tutti devono tenersi a distanza di almeno 2 metri dalle persone con cui non vivono.
  • COCOONING – E’ un termine inglese che ricorda il bozzolo dei bachi da seta, ma che in questo caso vuole individuare tutte quelle persone dai 70 anni in su e persone molto vulnerabili dal punto di vista medico, che sono rimaste in casa da sole, a scopo protettivo, senza poter uscire né vedere parenti e familiari. Per queste persone i negozi forniranno ore dedicate con rigorose distanze sociali e guanti messi a disposizione. Gli acquirenti dovrebbero indossare le mascherine.

    Finalmente queste persone possono avere un piccolo gruppo di visitatori a casa loro, ma che devono necessariamente indossare guanti, mascherine e rimanere a distanza 2 metri dalla persona che sta in cocooning.

  • FUNERALI – Un numero leggermente maggiore di persone può essere presente ai funerali, ma i numeri saranno ancora limitati ai familiari più vicini al defunto e agli amici intimi e limitati a un numero massimo di persone in lutto (questo numero sarà annunciato in una data più vicina all’8 giugno) per un periodo di tempo limitato in cui la distanza sociale può essere mantenuta.

  • LAVORO
    – Persone che possono lavorare in sicurezza mantenendo una distanza di 2 metri dagli altri –
    I lavoratori, come quelli che lavorano da soli, così come altri lavoratori che possono mantenere una distanza di 2 metri dagli altri possono tornare al lavoro. I requisiti di allontanamento sociale continuano ad applicarsi.
    Piani da mettere in atto dai datori di lavoro e dal governo – Le organizzazioni e le aziende devono sviluppare piani per un ritorno al lavoro in loco da parte dei dipendenti alla luce di COVID-19, considerando:
    1 – conformità a distanza sociale;
    2 – igiene e pulizia;
    3 – conformità in situazioni di rischio più elevato;
    4 – piani per le persone vulnerabili dal punto di vista medico o in gravidanza;
    5 – orari di apertura prolungati per consentire il distanziamento sociale.

  • LAVORO A DISTANZA O SMARTWORKING – Il lavoro a distanza deve continuare per tutti i lavoratori o le imprese che possono attualmente farlo.
  • NEGOZI ED ALTRE ATTIVITA’ COMMERCIALI
    – NEGOZI CHE POSSONO RIAPRIRE – I piccoli punti vendita al dettaglio possono riaprire con un numero limitato di dipendenti in base al fatto che il rivenditore può controllare il numero di persone con cui il personale e i clienti interagiscono in qualsiasi momento.
    – MERCATI AGRICOLI E DI BESTIAME – I mercati possono riaprire dove è possibile mantenere le distanze sociali.
  • SPORT, TURISMO E CULTURA 
    – BIBLIOTECHE – Le biblioteche pubbliche possono riaprire a condizione che i numeri consentiti siano limitati, si osservi il distanziamento sociale e vi sia una rigorosa sanificazione delle mani in atto per chiunque entri in biblioteca.
    – ALLENAMENTI DI GRUPPO – Le persone possono prendere parte ad attività sportive all’aperto e al fitness, coinvolgendo l’allenamento sportivo di squadra in piccoli gruppi (ma non le partite) in cui è possibile mantenere le distanze sociali e dove non c’è contatto.

FASE 3 – DAL 29 GIUGNO AL 19 LUGLIO 2020 

Queste misure fanno parte della TERZA FASE  di revoca delle restrizioni di salute pubblica che sono state messe in atto. Entrano in vigore in aggiunta alle misure nella fase 1 e 2.
Queste misure fanno parte della tabella di marcia per allentare le restrizioni. Sono solo un’indicazione di cosa potrà  accadere nel momento in cui si verifica una flessione ancora maggiore dei contagi. Queste misure entreranno in vigore solo quando il National Emergency Health Team afferma che le condizioni sono giuste per un maggiore allentamento delle restrizioni in atto.

  • RESTA A CASA – Il consiglio sarà di evitare viaggi inutili ove possibile. Si potrà viaggiare fino a 20 chilometri dalla propria abitazione, ma non si potrà uscire dalla propria regione.
  • ASSISTENZA ALL’INFANZIA PER I LAVORATORI ESSENZIALI L’apertura di asili nido, educatrici e scuole materne per bambini di lavoratori essenziali avverrà in modo graduale. Si applicano le distanze sociali e altri requisiti.
  • LAVORO
    – Persone che possono lavorare in sicurezza mantenendo una distanza di 2 metri dagli altri –
    Le organizzazioni possono aprire laddove i dipendenti hanno bassi livelli di interazione quotidiana con le persone. Il lavoro a distanza deve continuare per tutti i lavoratori o le imprese che possono attualmente farlo.
  • ASSISTENZA SANITARIA – Riprenderanno gradualmente le visite mediche negli ospedali, nei centri residenziali (Case di Riposo) e nelle carceri. Verrà presa in considerazione la disponibilità di dispositivi di protezione individuale (DPI) e altre protezioni.
  • NEGOZI ED ALTRE ATTIVITA’ COMMERCIALI
    PUNTI VENDITA AL DETTAGLIO – L’apertura di tutti gli altri punti vendita al dettaglio non essenziali verrà introdotta gradualmente sulla base di una limitazione del numero di dipendenti e clienti per metro quadrato in modo da mantenere il distanziamento sociale. Questo deve essere limitato ai punti vendita con ingresso e uscita a livello stradale e non include quelli nei centri commerciali chiusi a causa di un rischio maggiore.
    – COFFEE SHOP E RISTORANTI – Bar e ristoranti che offrono cibo e bevande locali possono riaprire. Devono rispettare le distanze sociali e i rigidi protocolli di pulizia.
  • SPORT E TURISMO
    – PARCHI GIOCHI – I campi da gioco potranno riaprire laddove è possibile mantenere le distanze sociali e l’igiene.
    – ATTIVITA’ SPORTIVE – Le attività e gli eventi sportivi possono riprendere “a porte chiuse”, dove sono in atto accordi per consentire ai partecipanti di mantenere le distanze sociali.
  • TRASPORTO E VIAGGI –
    – RESTRIZIONI DI VIAGGIO –
    Verranno effettuati seri controlli e applicate restrizioni di viaggio  per coloro che si recheranno verso i principali centri urbani nei giorni feriali e nei giorni del fine settimana.
    – TRASPORTO PUBBLICO E PRIVATO – I fornitori di trasporto pubblico devono limitare e monitorare attivamente il numero di passeggeri per garantire il rispetto del distanziamento sociale. Le restrizioni devono essere implementate sul numero di auto private. Saranno introdotte misure specifiche nei porti e negli aeroporti.

FASE 4 – DAL 20 LUGLIO AL 9 AGOSTO 2020

Queste misure fanno parte della QUARTA FASE  di revoca delle restrizioni di salute pubblica che sono state messe in atto. Entrano in vigore in aggiunta alle misure nella fase 1, 2 e 3.
Queste misure fanno parte della tabella di marcia per allentare le restrizioni. Sono solo un’indicazione di cosa potrà  accadere nel momento in cui si verifica una flessione ancora maggiore dei contagi. Queste misure entreranno in vigore solo quando il National Emergency Health Team afferma che le condizioni sono giuste per un maggiore allentamento delle restrizioni in atto.

  • MISURE DI SANITA’ PUBBLICA – 
    – FACILITAZIONI NEGLI SPOSTAMENTI – Parte da questa fase di fine luglio la facilitazione degli spostamenti. Sarà possibile viaggiare fuori della propria regione di residenza oltre i 20 km raccomandati nelle fasi precedenti.
    – VISITE SOCIALI – Un numero leggermente maggiore di persone può visitare un’altra famiglia per un breve periodo di tempo mantenendo le distanze sociali.
    – INCONTRI SOCIALI – Saranno ammessi piccoli incontri sociali da parte di familiari e amici stretti, ma devono essere limitati a un numero massimo di partecipanti per un periodo di tempo in cui è possibile mantenere le distanze sociali (ad esempio: piccoli matrimoni, battesimi).
    – EVENTI SOCIALI NON COMMERCIALI – Saranno ammessi piccoli raduni sociali (non familiari), ma devono essere limitati a un numero massimo di partecipanti per un periodo di tempo in cui è possibile mantenere le distanze sociali.
  • ISTRUZIONE E ASSISTENZA ALL’INFANZIA – Asili nido, educatori e scuole materne si apriranno per i bambini di tutti i lavoratori su una scala graduale crescente (ad esempio, un giorno alla settimana) e successivamente aumentando lentamente.
  • LAVORO – I dipendenti che non possono lavorare in remoto devono essere considerati i primi per un ritorno al lavoro in loco. A seconda dell’impresa, misure come il lavoro a turni e le ore scaglionate dovrebbero essere implementate per aumentare il numero di lavoratori disponibili a lavorare in qualsiasi periodo di 24 ore, a condizione che l’azienda possa limitare il numero di lavoratori che interagiscono tra loro. Il lavoro a distanza continua per tutti i lavoratori o le aziende che possono farlo.
  • NEGOZI ED ALTRE ATTIVITA’ COMMERCIALI
    – AL DETTAGLIO – Le restrizioni possono essere gradualmente allentate sui servizi a rischio più elevato che comportano un contatto fisico diretto per periodi di tempo tra le persone e per i quali esiste una domanda diffusa a livello di popolazione (ad esempio, i parrucchieri).
  • CULTURA,  SOCIETA’  E LUOGHI DI CULTO – Musei, gallerie e altri punti culturali possono essere aperti dove le persone possono muoversi liberamente senza entrare in contatto con gli altri, è possibile mantenere le distanze sociali e applicare una rigorosa igiene delle mani all’entrata.I luoghi di culto possono essere aperti con misure di allontanamento sociale.
  • SPORT – Possono riprendere le competizioni per squadre sportive (ad esempio, calcio e GAA), ma solo dove vengono posti limiti al numero di spettatori e dove è possibile mantenere le distanze sociali. Piscine pubbliche possono essere aperte dove è possibile effettuare un’efficace pulizia e mantenere le distanze sociali.
  • TURISMO ALL’INTERNO DELL’ISOLA IRLANDESE E CENTRI RICREATIVI – È possibile aprire hotel, ostelli, aree attrezzate per roulotte e villaggi turistici per attività sociali e turistiche, inizialmente su una base di occupazione limitata (o numero di persone per metro quadrato), per poi aumentare nel tempo. Devono essere seguite le misure di allontanamento sociale. I bar dell’hotel rimangono chiusi.
  • TRASPORTO E VIAGGI – Le restrizioni diminuiranno gradualmente sul numero di spostamenti nei principali centri urbani sui trasporti pubblici e sulle auto private. Saranno introdotte misure specifiche nei porti e negli aeroporti.

FASE 5 – DAL 10 AGOSTO 2020 IN AVANTI 

Queste misure fanno parte della QUINTA FASE  di revoca delle restrizioni di salute pubblica che sono state messe in atto. Entrano in vigore in aggiunta alle misure nella fase 1, 2, 3 e 4. Queste misure fanno parte della tabella di marcia per allentare le restrizioni. Sono solo un’indicazione di cosa potrà  accadere nel momento in cui si verifica una flessione ancora maggiore dei contagi. Queste misure entreranno in vigore solo quando il National Emergency Health Team afferma che le condizioni sono giuste per un maggiore allentamento delle restrizioni in atto.

  • MISURE DI SANITA’ PUBBLICA –
    – VIAGGIARE IN IRLANDA –
    Come nella fase 4, si sarà in grado di viaggiare fuori dalla propria regione di residenza.
    – INCONTRI SOCIALI – Possono svolgersi incontri sociali più grandi (ad esempio matrimoni). Questi saranno limitati a causa dei rischi connessi. Possono avere luogo grandi incontri sociali (non familiari), anch’essi limitati.
    – MOVIMENTI LIMITATI – Continuare a limitare tutti i contatti familiari di casi sospetti, in attesa dei risultati dei test o in 14 giorni di autoisolamento.
  • APERTURE DELLE SCUOLE E COLLEGE – Le seguenti istituzioni educative possono aprire su base graduale all’inizio dell’anno accademico 2020/21:
    1 scuole primarie e secondarie
    2 università
    3 centri educativi di terzo livello
    4 centri di educazione per adulti
  • SERVIZI SANITARI E ASSISTENZA SOCIALE – Ci sarà un ritorno alla normalità per le  visite negli ospedali, centri sanitari residenziali, altri contesti residenziali e carceri.
  • LAVORO – 
    – RITORNO AL LAVORO – Ritorno graduale al lavoro in tutti i settori. Le organizzazioni a “rischio più elevato” che, per loro natura, non sono in grado di mantenere facilmente le distanze sociali, attueranno piani per progredire verso il ritorno in loco di un complemento completo del personale. Il lavoro a distanza continua per tutti i lavoratori o le aziende che possono farlo.
    – NEGOZI ED ALTRE ATTIVITA’ COMMERCIALI – I centri commerciali chiusi possono riaprire, con il distanziamento sociale in atto. Un ulteriore allentamento delle restrizioni per i servizi che comportano un contatto fisico diretto per periodi di tempo tra persone per le quali non esiste una domanda a livello di popolazione (ad esempio tatuaggio, piercing) per fasi successive a causa dei rischi connessi.
  • TEATRI E CINEMA – Teatri e cinema possono riaprire se possono garantire il distanziamento sociale.
  • COMPARTO RICREATIVO, PUB E LOCALI NOTTURNI – Le sale ricreative al coperto, come le piste da bowling e le sale da bingo, possono riaprire laddove i numeri possono essere limitati, le pulizie possono essere mantenute e le distanze sociali possono essere rispettate. Pub, locali notturni e casinò possono riaprire, dove è possibile rispettare le distanze sociali e le pulizie rigorose. Festival, eventi e altri raduni di massa sociali e culturali possono aver luogo solo in conformità con le restrizioni numeriche sia interne che esterne e laddove sia possibile rispettare le distanze sociali.
  • SPORT – Gli sport a contatto fisico ravvicinato, come il rugby e la boxe, possono riprendere. Palestre, studi di danza e società sportive possono riaprire, solo dove è possibile effettuare una pulizia regolare ed efficace e mantenere le distanze sociali. Gli spettatori possono iniziare a partecipare ad eventi sportivi dal vivo solo in conformità con le restrizioni numeriche sia interne che esterne e laddove sia possibile rispettare le distanze sociali.
  • TRASPORTO E VIAGGI – I turisti irlandesi possono riprendere a viaggiare verso le isole che circondano l’Isola di Smeraldo. Le misure di allontanamento sociale e di igiene devono continuare per il trasporto pubblico e privato.

(Fonte/source Gov.ie )

Féach tú go luath

Unisciti a noi:

FACEBOOK: Entra nel nostro clan “VIVIRLANDA.IT” e supporta la nostra  pagina  IRLANDAONTHEROAD.IT con un “mi piace”

INSTAGRAM: IRLANDAONTHEROAD.IT

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Condividi su Facebook
Share on telegram
Condividi su Telegram
Share on twitter
Condividi su Twitter
Share on vk
Condividi su VK
Share on linkedin
Condividi su Linkdin
Share on pinterest
Condividi su Pinterest