Il Blog per chi ama l'Irlanda

Bardi irlandesi

Spesso abbiamo sentito parlare dei Bardi Irlandesi, ma sappiamo veramente chi erano, quale era la loro cultura e come erano considerati?

Una certa aura di mistero avvolge questi poeti Risultato immagini per Bardi celticie cantori delle tradizioni del popolo celtico che svolgevamo un compito molto importante nella loro società: fungevano fondamentalmente da ponte tra l’umano e lo spirituale. Il Bardo faceva parte dell’ordine sacerdotale druidico, i filosofi-sacerdoti dei Celti. Era il depositario della tradizione storica, letteraria e poetica del popolo celtico, e recitava-cantando le sue poesie, accompagnandosi con uno strumento. I bardi irlandesi formavano una casta ereditaria professionale di poeti altamente qualificati e istruiti. I bardi erano intrisi della storia e delle tradizioni del clan e del paese, nonché dei requisiti della tecnica del verso che era sillabica e usava assonanza, mezza rima e allitterazione, tra le altre convenzioni.

L’antica società irlandese riconosceva quattro gradi di poeti: il bardo era il grado più basso e il filidh era il più alto.

Nella cultura gaelica e britannica medievale, un bardo era un narratore, creatore di versi e compositore di musica, impiegato da un mecenate (come un monarca o un nobile), per commemorare uno o più antenati del patrono e per lodare le gesta del patrono stesso. Come funzionari della corte del re o del capo, ricoprirono una serie di ruoli ufficiali, come quello di cronista. Tuttavia se non veniva pagato o il suo signore non pagava l’importo corretto, il bardo componeva una satira per sbeffeggiare il suo committente. Addirittura si credeva che una satira bardica ben mirata potesse fare nascere delle bolle sul volto del suo obiettivo.

In altre società indoeuropee, la stessa funzione è stata adempiuta da skalds, rapsodi, menestrelli e scop.
Una casta ereditaria di poeti professionisti nella società proto-indo-europea è stata rinvenuta confrontando la posizione dei poeti nell’Irlanda medievale e in particolare nell’antica India.

Originariamente una specifica classe di poeti di più basso rango, appunto i Bardi, –  in contrasto con il rango superiore noto come filidh in Irlanda e Highland Scotland – con il declino della tradizione bardica vivente nel periodo moderno, il termine acquisì significati generici di un autore o menestrello. In particolare un famoso esempio furono William Shakespeare e Rabindranth Tagore, noti rispettivamente come il bardo di Avon e il bardo del Bengala.

I bardi (che non sono”filidh”) erano quelli che cantavano le canzoni ricordando le azioni coraggiose dei guerrieri tribali, nonché le genealogie e le storie familiari degli strati dominanti tra le società celtiche. I popoli celtici precristiani non registravano storie scritte; tuttavia, i popoli celtici mantennero una intricata storia orale, impegnata nella memoria e trasmessa da bardi e filidi. I bardi hanno facilitato la memorizzazione di tali materiali mediante l’uso di misuratori, rime e altri dispositivi poetici formulaici.

La poesia bardica irlandese era una tradizione intensamente complicata e i poeti bardici erano ben addestrati. Principalmente furono attivi in un periodo della storia irlandese chiamato “Irlanda gaelica” . Questo è stato un lungo periodo durante il quale esisteva l’ordine politico e sociale gaelico in Irlanda e la lingua e la cultura irlandesi fiorivano. Nonostante l’invasione normanna nel XII secolo gran parte del paese rimase sotto re irlandesi o signori anglo-irlandesi. La cultura irlandese riuscì a mantenere le sue tradizioni poiché i bardi tramandavano a memoria le loro poesie o canzoni fornendo così il loro materiale nella tradizione orale. La poesia irlandese di questo tempo utilizzava un complicato mix di schemi di rime, metafore e simbolismo. Questo stile era enormemente diverso dalle tradizioni poetiche dei paesi non celtici e rimase lo stesso per secoli. I visitatori stranieri hanno commentato che gli irlandesi erano “drogati dal potere delle parole! “

Il sistema bardico durò fino alla metà del XVII secolo in Irlanda e all’inizio del XVIII secolo in Scozia. In Irlanda, le loro fortune erano sempre state legate all’aristocrazia gaelica, che diminuirono insieme ad essa durante la conquista di Tudor.

La storia antica dei bardi può essere conosciuta solo indirettamente attraverso storie mitologiche. La prima menzione della professione bardica in Irlanda si trova nel Libro delle invasioni, in una storia sulla colonia irlandese di Tuatha De Danann (Popoli della Dea Danu), chiamata anche Danoniani. Durante il decimo anno del regno dell’ultimo monarca belga, il popolo della colonia di Tuatha De Danann, come lo chiamavano gli irlandesi, invase e si stabilì in Irlanda.

Scozia

Il gruppo di bardi più noto in Scozia erano i membri della famiglia MacMhuirich, che fiorì dal XV al XVIII secolo. La famiglia era concentrata nelle Ebridi e sosteneva di discendere da un bardo irlandese del 13 ° secolo che, secondo la leggenda, fu esiliato in Scozia. La famiglia fu inizialmente impiegata principalmente dai Signori delle Isole come poeti, avvocati e medici. Con la caduta della Signoria delle Isole nel XV secolo, la famiglia fu impiegata principalmente dai capi dei MacDonalds di Clanranald. I membri della famiglia furono anche registrati come musicisti all’inizio del XVI secolo e come sacerdoti probabilmente già all’inizio del XV secolo. L’ultimo della famiglia a praticare la poesia gaelica classica fu Domhnall MacMhuirich, che visse a South Uist nel 18 ° secolo.

Galles

Un certo numero di bardi della mitologia gallese sono stati ricordati nella letteratura gallese medievale e i loro poemi radunati in raccolte letterarie, come il Libro rosso di Hergest, il Libro bianco di Rhydderch, il Libro di Aneirin e il Libro di Taliesin. I bardi Aneirin e Taliesin possono essere leggendari riflessi di bardi storici attivi nei secoli VI e VII. Pochissime informazioni storiche sulla tradizione della corte gallese dell’Età Oscura sopravvivono, ma il materiale bardico gallese divenne il nucleo di varie leggende della Gran Bretagna e del ciclo Arturiano che si svilupparono dal XIII sec. Le Leggi Gallesi di Hywel Dda, originariamente compilate intorno al 900 d.C., identificano un bardo come membro della famiglia di un re. I suoi doveri, quando la guardia del corpo stava dividendo il bottino, includevano il canto della sovranità della Gran Bretagna – forse perché le genealogie degli alti re britannici sopravvissero nella documentazione storica scritta.

La forma reale della tradizione bardica cessò nel XIII secolo, quando la conquista edoardiana del 1282 pose definitivamente fine al dominio dei principi gallesi. Il leggendario suicidio di The Last Bard (c. 1283), è stato commemorato nel poema The Bards of Wales dal poeta ungherese János Arany nel 1857, come modo di codificare la resistenza alla politica repressiva del suo tempo. Tuttavia, le tradizioni poetiche e musicali vennero mantenute per tutto il Medioevo, ad esempio dai noti poeti del XIV secolo Dafydd ap Gwilym (considerato fra i più rappresentativi del suo genere ed uno tra i più importanti del panorama europeo medioevale) e Iolo Goch. La tradizione di riunire regolarmente i bardi in un eisteddfod (tipico festival gallese di letteratura, musica e spettacolo. La parola italiana più vicina al termine “Eisteddfod” è “Sessione”) non è mai decaduta, e fu rafforzata dalla formazione del Gorsedd da Iolo Morganwg nel 1792, stabilendo il Galles come il principale sostenitore celtico della tradizione bardica nel 21 ° secolo. Molte sessioni di musica, letteratura e spettacolo si svolgono regolarmente in Galles, tra cui l’Eisteddfod nazionale del Galles, istituito nel 1861 e che si tiene ogni anno dal 1880. Molte scuole gallesi conducono le proprie versioni annuali in cui vengono emulate le tradizioni bardiche.

Unisciti a noi:

FACEBOOK: Entra nel nostro clan “VIVIRLANDA.IT” e supporta la nostra  pagina  IRLANDAONTHEROAD.IT con un “mi piace”

INSTAGRAM: IRLANDAONTHEROAD.IT

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su telegram
Condividi su Telegram
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su vk
Condividi su VK
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest