Il Blog per chi ama l'Irlanda

Cultura irlandese: usanze che possono risultare strane e meravigliose

Dagli alberi delle fate ai saluti alle gazze, ecco alcune usanze irlandesi che potrebbero risultare stranezze, ma allo stesso tempo sono meravigliose.

L’Irlanda è famosa per la sua straordinaria cultura. Sebbene si possano trovare delle varianti delle tradizioni irlandesi in altri luoghi che richiamano molto quelle originali, la maggior parte dei visitatori dell’Isola di Smeraldo rimane affascinata dalle usanze e dalle credenze popolari che si incontrano qui. Ve ne elencherò alcune.

Prurito al naso – segno di discordia in arrivo

Questo più che una credenza popolare si potrebbe definire un presagio. Un naso che prude può significare solo una cosa: non passerà molto tempo prima che arrivi un litigio o una discordia. Allo stesso modo, quando le orecchie bruciano si crede che qualcuno stia parlando alle nostre spalle. Non è una grande combinazione di presagi!

Fare la Croce di Santa Brigida – per proteggere la casa dal male

L’antico anno celtico è stato contrassegnato da quattro grandi celebrazioni che sono sopravvissute in qualche modo nell’Irlanda moderna: Beltane (1 maggio), Lughnasadh (1 agosto), Samhain (1 novembre) e Imbolc (1 febbraio). Originariamente nel giorno di Imbolc, 1° febbraio, si celebrava Brigida, dea pagana della primavera. Poiché per la tradizione Irlandese la ricorrenza di Imbolc era – ed è tutto’oggi – molto amata dagli irlandesi, la Chiesa cristiana, durante la cristianizzazione dell’Irlanda, scelse quel giorno come festa religiosa dedicata a Santa Brigida. Ancora oggi gli Irlandesi di tutte le età celebrano questa ricorrenza creando una croce intricata fatta tradizionalmente di giunco. Una volta che la croce è pronta viene appesa sopra le porte d’ingresso per proteggere le case dal male. Ne abbiamo una anche noi appesa sopra la nostra porta e per nulla al mondo ce ne separeremmo.

Ringraziare l’autista dell’autobus – buone maniere in Irlanda

Coloro che conoscono il popolo Irlandese sanno che è dotato di un forte senso civico e di senso di appartenenza. Vi è mai capitato, passeggiando in piccoli villaggi, di incrociare delle persone sul marciapiede e che queste vi salutassero? A noi sì, tante volte. Questo è il loro modo di portare rispetto e lo fanno pure quando scendono dall’autobus salutando e ringraziando l’autista. Secondo la ricerca Dublin Bus nel 2015, il 90% dei passeggeri ringrazia sempre autista. Noi per esempio lo facciamo sempre anche dopo un viaggio in aereo, prima di scendere la scaletta. Ci viene naturale!

Rendere omaggio – assistere a funerali di persone che letteralmente non conosci

La tradizione della “veglia” è molto radicata in Irlanda, dove la famiglia, gli amici e coloro che non hanno mai nemmeno incontrato la persona deceduta, possono presentarsi per rendere omaggio al defunto. Se siete stati in Irlanda avrete sicuremente visto, in prossimità dell’abitazione del caro estinto, i cartelli con scritto “Wake”, ed in alcuni casi anche una pattuglia della Garda a sorvegliare il passaggio delle auto e automezzi . Non è raro che all’esterno ci siano molte persone che silenziosamente e rispettosamente vanno a donare l’estremo saluto alla salma e conforto alla famiglia che di norma offre qualche biscotto e una tazza di tè.

Come in altri paesi celtici, anche gli irlandesi in lutto adottarono l’usanza come un modo per vegliare sui loro morti fino al momento della sepoltura, e si svolge come un’occasione mista a tristezza e allegria.

In passato la veglia irlandese iniziava quando le donne del vicinato si congiungevano alla famiglia per lavare il corpo del defunto. Il più delle volte, la veglia si svolgeva nella casa del defunto o in quella di un parente stretto. Il cadavere veniva quindi ricoperto di lino bianco e adornato con nastri bianchi o neri. L’usanza prevedeva che il pianto non potesse iniziare fino a dopo che il corpo fosse stato preparato, per paura che gli spiriti maligni, attratti dal corpo, prendessero l’anima del defunto. Le donne appassionate venivano spesso assunte dalla famiglia, e si lamentavano, piangevano e recitavano poesie, affliggendosi per la perdita della persona amata. La “piagnona” principale era in piedi a capo del letto e suonava la prima nota o gemito.

All’interno della casa stessa c’erano anche molte tradizioni che dovevano essere rispettate. Queste usanze includevano la posa di pipe di argilla, tabacco da fumo e da fiuto nella stanza. Ogni uomo presente doveva fare almeno un tiro. Il fumo impediva agli spiriti maligni di trovare il defunto. Di solito una pipa e del tabacco venivano posti su un tavolo accanto al corpo. In alcune occasioni, sul petto del defunto veniva anche posata una pipa. Gli orologi venivano fermati al momento della morte e gli specchi in casa venivano girati o coperti. Anche tutte le tende della casa dovevano essere tirate tranne che per l’unica finestra più vicina al corpo che sarebbe rimasta aperta.

Ancora oggi, la veglia è un segno della forza della comunità in Irlanda con vicini e amici che sostengono la famiglia con teiere e vassoi di panini per sfamare le orde che arrivano a casa loro per porgere le loro condoglianze.

Il saluto alle gazze

La gazza, soprattutto le altre creature, deve essere trattata con il massimo livello di rispetto e decoro. Questi uccelli in bianco e nero sono i fornitori di fortuna nelle sue varie forme. A seconda del numero di gazze presenti, ma se è una potrebbe presagire sfortuna.

Una per il dolore
Due per la gioia
Tre per una ragazza
Quattro per un ragazzo
Cinque per l’argento
Sei per l’oro
Sette per un segreto che non verrà mai rivelato

Se ti capita di imbatterti in una gazza solitaria mentre cammini in Irlanda, non preoccuparti, non tutto è perduto. Per tenere a bada la sfortuna, un semplice saluto sarà sufficiente per allontanare la malasorte. Questo può essere fatto sotto forma solo di un saluto con la semplice mano, ma potrebbe essere accompagnato da un saluto verbale del tipo “Hello Mister Magpie” a volte seguito da “come stanno tua moglie e la tua famiglia?”. Personalmente consiglio una combinazione di tutti e tre, meglio mantenere felici le Gazze.

Camicia al rovescio

Se inizi la giornata con la camicia indossata capovolta inconsapevolmente, congratulazioni ti sei guadagnato una bella dose di fortuna. Ma ATTENZIONE. Non correggere in nessun caso la tua camicia rivoltandola al contrario, porterebbe sfortuna. Una volta che ti sei accorto di avere la maglietta o la camica a rovescio, devi mantenerla così per tutta la giornata.
Qui vediamo Kate Middleton che indossa una camicia firmata “Gucci”, la famosa (per alcuni ma non per me) “Pussy Bow” che avrebbe dovuto indossarla con la abbottonatura sul retro, come correttamente indossata da Melania Trump.

Un pettine per terra

Nel camminare per strada potresti imbatterti in un pettine caduto a terra. Meglio non coglierlo poichè potrebbe trattarsi di un pettine lasciato da una Banshee e potrebbe trattarsi di un cattivo presagio. Una ricerca su Google, la Banshee viene descritta come  “donna fatata”, ma questa non è una fata. Nel folklore irlandese, la Banshee è uno spirito femminile minaccioso, simile a una strega. Ogni incontro con lei è considerato un terribile presagio. Rende nota la sua presenza attraverso segni e segnali diversi. Caso in questione: un pettine per terra, pettine Banshee. Hai sentito un urlo? È un urlo di Banshee.

Fare un segno di croce quando si vede un’ambulanza

Sebbene ci siano una moltitudine di fedi praticate in Irlanda, il cattolicesimo rimane la religione predominante qui. Lo vedrai chiaramente se un’ambulanza lampeggiante sorpassa quando percorre dei tratti nelle zone rurali. È molto probabile che qualcuno intorno a te faccia un segno della croce, o comunque una forma di preghiera per chiunque si trovi all’interno del veicolo. Lo stesso si può vedere quando una persona passa vicino a una chiesa cattolica.

Non disturbare mai un “albero delle fate”

La fede nel “piccolo popolo” era un tempo diffusa in tutta l’Irlanda e le superstizioni che coinvolgono queste creature dispettose rimangono. Le generazioni più anziane metteranno in guardia quelle più giovani dei pericoli  che si incorrono nel disturbare un singolare albero di biancospino, che cresce in un campo.

Si dice che questo albero solitario sia la casa delle fate, e tagliarne uno porterebbe sfortuna per tutta la vita. Circolano storie di case costruite sul luogo dove un tempo l’albero stava bruciando fino a terra. In quelle case abbondarono le morti premature e disgrazie di ogni genere. Si dice che disturbare un albero delle fate nella notte di Beltane sia ancora più pericoloso, poiché presumibilmente questo è il momento in cui il “piccolo popole” è più attivo.

Féach tú go luath

Unisciti a noi:

FACEBOOK: Entra nel nostro clan “VIVIRLANDA.IT” e supporta la nostra  pagina  IRLANDAONTHEROAD.IT con un “mi piace”

INSTAGRAM: IRLANDAONTHEROAD.IT

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su telegram
Condividi su Telegram
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su vk
Condividi su VK
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest