Il Blog per chi ama l'Irlanda

Florence Court – Villa da sogno nella campagna di Enniskillen

Florence Court è una magnifica villa in stile Georgiano, costruita, in varie fasi, tra il XVII e XVIII sec. Attorniata da splendidi giardini che la incorniciano, in passato era una immensa tenuta boschiva nella campagna poco fuori da Enniskillen nella Contea di Fermanagh, Northern Ireland, situata alle pendici del Monte Cuilcagh.

Maestosi alberi secolari circondano la tenuta che paiono essere le “Coldstream Guards” – le guardie che presiedono Buckingham Palace a Londra – che invece di indossare la casacca rossa e il colbacco (bearskill in inglese – pelle d’orso) in testa, sono vestiti di un vivido verde smeraldo.

Le basi della costruzione vennero poste da Sir John Cole, che per onorare la sua adorata moglie, chiamò la tenuta con lo stesso romantico nome: Florence (nome completo Florence Bourchier Wray), che morì nel 1718. Era la figlia di Sir Bourchier Wrey, 4 ° baronetto di Tawstock , nel Devon (1653-1696 circa).

Florence Wrey (deceduta nel 1718), era la figlia di Sir Bourchier Wrey, 4° baronetto di Tawstock , nel Devon (c. 1653–1696) e di Florence Rolle. Florence Wrey fu la moglie di John Cole di Enniskillen, colui che costruì Florence Court, County Fermanagh, Northern Ireland.

 

Florence, un nome che ricorda senza dubbio la bellissima ed elegante città di Firenze, in Toscana, la regione italiana più amata dagli anglosassoni. Straordinario fu che proprio il penultimo discendente della famiglia Cole visse a Firenze con la sua seconda moglie Nancy, dal 1964 al 1973.

Florence Court – La Mansion

Sir John Cole ( 1680-1726) era discendente di una potente famiglia Inglese che si stanziò in Fermanagh durante le “Plantations” del XVI e XVII sec. – colonizzazioni – da parte del Governo Britannico. Tuttavia sembra che molti documenti, dai quali si sarebbe potuto risalire alla costruzione, vennero perduti. Poco si conosce del suo sviluppo architettonico e la sua storia è un mosaico di prove documentali abbastanza spesso contraddittorie.

Dalle poche informazioni che sono state reperite, lo sviluppo e l’ampliamento architettonico in stile palladiano che ancora oggi è visibile, lo si deve al figlio di Sir John Cole, John Cole Jr., in seguito Primo Lord Mount Florence.

Florence Court – Photography by Simonetta Ecchia

 

Le ali e il padiglione furono aggiunti al blocco centrale successivamente e così rimase. Gli architetti che progettarono l’ampliamento sono sconosciuti. Tuttavia Florence Court condivide delle somiglianze con alcune delle altre ville irlandesi progettate da Richard Cassels.

Florence Court – Entrata principale della Villa – Photography by Simonetta Ecchia

Florence Court fu sede dei Conti di Enniskillen fino al 1973.

La casa gode di una meritata fama per le squisite decorazioni rococò e per i raffinati mobili irlandesi, molti dei quali sono stati acquisiti dal National Trust insieme all’intera proprietà. Altri sono stati dati in prestito, prelevandoli da altre ville irlandesi. La maggior parte degli arredi originali venne rimossa quando la famiglia Cole si trasferì nel Perthshire nel 1973, molti dei quali furono restituiti, come lascito della vedova dell’ultimo Conte,  alla sua morte nel 1998.

Gli esterni della villa sono stati utilizzati per girare la recente serie televisiva della BBC “The Woman in White” nella quale uno dei personaggi, il Conte Fosco, è interpretato dal nostro Riccardo Scamarcio.

La Famiglia Cole

Una serie di eventi , capitati fra gli anni ’50 e ’60 del XX sec. a Florence Court, segnò la fine di un’era per la casa e la famiglia.

Dopo la seconda guerra mondiale a causa dei prezzi agricoli in calo, dell’aumento dei costi salariali, delle enormi spese sostenute per ottemperare ai diritti di successione ereditaria e una drastica riduzione delle dimensioni del demanio, dello stile di vita del quinto conte di Enniskillen e della sua seconda moglie Mary (nata Nevill), fu sempre più difficile mantenere un simile patrimonio. Per assicurare il futuro a lungo termine della casa, Lord Enniskillen cedette Florence Court al National Trust nel 1953. L’accordo prevedeva che comunque i Conti di Enniskillen potessero continuare ad abitarvi. Ma nel 1955 un incendio devastante distrusse i piani superiori della casa.

Il devastante incendio che distrusse i piani superiori della casa nel 1955

A Sir Albert Richardson fu affidato il compito di guidare il restauro per il National Trust. Numerosi sforzi da allora hanno restituito a Florence Court gran parte del suo antico splendore. Alcune camere ai piani superiori rimangono comunque chiuse.

  • Nel 1956, l’unico figlio ed erede di Lord Enniskillen, il visconte Cole, morì improvvisamente a 36 anni. Non si sposò mai.
  • Nel 1961, mentre il restauro della casa era in via di completamento, l’uragano Debbie devastò la tenuta.
  • Nel 1963, il 5° Lord Enniskillen e sua moglie, Lady Enniskillen, morirono entro tre mesi l’uno dall’altro.
  • Nel 1963, alla morte del 5° Conte, gli succedette il nipote, il capitano David Lowry Cole, MBE (1918-1989). Il 6° Conte di Enniskillen. David Enniskillen (come era noto) aveva trascorso gran parte della sua vita nella colonia del Kenya, essendo stato eletto membro del Consiglio legislativo del Kenya all’inizio degli anni ’60, poco prima dell’indipendenza. Nel 1955, divorziò dalla sua prima moglie Sonia (nata Syers), figliastra di suo zio il quinto Conte (che morì nel 1963 con sua moglie, la madre di Sonia). Da lei ebbe due figli: un maschio e una femmina. David Enniskillen e la sua seconda moglie, Nancy, Contessa di Enniskillen (nata Nancy MacLennan, già diplomatica presso il Foreign Service degli Stati Uniti ), tornarono a Firenze, dove vissero dal 1964 al 1973. In quell’anno, nei primi anni dei “Troubles”, il Conte e la Contessa di Enniskillen lasciarono Florence Court definitivamente, trasferendosi a Kinloch House a Kinloch, nel Perthshire , in Gran Bretagna. David Enniskillen divenne così l’ultimo Conte di Enniskillen a vivere effettivamente a Firenze.
  • Gli succedette il suo unico figlio, Andrew, che divenne il 7° Conte di Enniskillen nel 1989. Andrew Enniskillen continua a vivere in una vasta tenuta in Kenya.

I Giardini

L’eleganza e la classe che si evince mirando le stanze della villa, è rispecchiata negli incantevoli giardini che la circondano. E’ possibile fare una bella passeggiata in un grazioso giardino recintato e al confine del bosco di Cottage Wood, a sud-est della casa.

  • Pleasure Garden – L’ampio giardino del piacere è stato progettato a metà del 19° secolo, con vista panoramica sulle montagne di Benaughlin e Cuilcagh. Presenta esemplari di alberi vittoriani e esposizioni di piante temperate e semi-tropicali, principalmente rododendri.
  • Summer House – Conosciuta anche come la casa di erica, la struttura attuale è una ricostruzione di una casa estiva risalente al XVIII secolo. Si trova in una posizione prominente nella parte superiore del giardino di piacere, con vista sul “Pleasure Garden” e sul monte Benaughlin. La struttura è stata ricostruita dal National Trust alla fine degli anni ’80 i cui progetti vennero basati su fotografie del 19° secolo. Le fondamenta e il pavimento lastricato sono le uniche parti originali della struttura del XVIII secolo. Nel 2015 la casa estiva fu incendiata da vandali. Successivamente venne ricostruita nel 2016, grazie a finanziamenti cospicui raccolti dalla comunità locale.
  • Florence Court Yew – Attore principale di questo giardino è il Florence Court Yew (L’albero di Tasso di Florence Court). Questo esemplare secolare di albero di Tasso è sopravvissuto a due giovani alberelli di tasso irlandese ( Taxus baccata ‘fastigiata’) scoperti nel 1767 dal contadino locale George Willis sul monte Cuilcagh. Poiché l’Irish Yew (l’albero di Tasso Irlandese) può essere propagato solo da talee, questo albero è il progenitore di quasi tutti i Tassi Irlandesi in tutto il mondo. Il tasso si trova all’interno del sito dei giardini del XVIII secolo di John Cole, a circa un miglio a sud-est della casa. Questi vasti giardini ora sono andati in gran parte perduti, con l’eccezione dei resti superstiti del giardino roccioso del XVIII secolo, situato di fronte al tasso. Il giardino roccioso precedentemente conteneva tavoli e sedie in pietra, ma è attualmente ricoperto da vegetazione.
  • Walled Garden – Il giardino recintato di quattro acri fu allestito nel XVIII secolo e ampliato nel 1870 da Charlotte, Contessa di Enniskillen. È dotato di un’aiuola di rose, due stagni, frutteti e un orto ancora coltivato. Il Rose Cottage del 1870 sul bordo occidentale del giardino, fu la dimora del giardiniere. E ‘stato restaurato da una condizione di abbandono negli anni ’90 ed è ora è utilizzata come casa per le vacanze. Nel settembre del 2017 un progetto del National Trust per ripristinare il giardino alla sua condizione degli anni ’30 è stato avviato con una sovvenzione dalla Heritage Lottery Fund. Il progetto include piani per ricostruzione di due lunghe case di vetro che un tempo scorrevano lungo la parete nord. I campi da tennis dietro il muro settentrionale furono sostituiti dagli uffici del Servizio forestale negli anni ’70.
  • Cane Cottage – Un cottage del XVIII secolo costruito in bambù si trovava in precedenza a ovest della casa. Serviva come “Tea House“, ma cadde in rovina durante la seconda metà del XX secolo e fu demolito negli anni ’70.
  • Lady Well – Il Lady Well è un pozzo naturale primaverile situato a circa tre quarti di miglio ad est della casa in fondo al Broad Meadow.

Tutto questo e molto altro si può scoprire visitando la casa e i giardini, soprattutto la loro bellezza che viene mantenuta al suo originale splendore grazie alle cure del National Trust.

Facciamo una gita insieme? Sarà un’esperienza indimenticabile!!! Vieni a trovarci!

Féach tú go luath

Unisciti a noi:

FACEBOOK: Entra nel nostro clan “VIVIRLANDA.IT” e supporta la nostra  pagina  IRLANDAONTHEROAD.IT con un “mi piace”

INSTAGRAM: IRLANDAONTHEROAD.IT

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Condividi su Facebook
Share on telegram
Condividi su Telegram
Share on twitter
Condividi su Twitter
Share on vk
Condividi su VK
Share on linkedin
Condividi su Linkdin
Share on pinterest
Condividi su Pinterest