Il Blog per chi ama l'Irlanda

IMBOLC – Viaggio sulla ruota dell’anno Celtico

Imbolc è una data gioiosa e molto celebrata sulla ruota pagana dell’anno, celebrata il 1° e il 2° giorno del mese di febbraio. Nella religione cattolica questa celebrazione coincide con il giorno della “Candelora” festa della Presentazione di Gesù al Tempio di Gerusalemme con la accensione di candele che simboleggia il Cristo che porta la luce. Nella tradizione e religione pagana Celtica le celebrazioni iniziavano il 1° febbraio per onorare la natura in questo punto medio dell’inverno e l’ultimo tratto del viaggio – di solito più freddo e desolato – attraverso i mesi bui pungenti verso il tempo di primavera e la rinascita della Terra.

Imbolc è un indicatore del nostro viaggio attraverso i regni infiniti di oscurità e luce della Terra, un indicatore che ci guida verso la crescente luce del sole e ci porta una rinnovata leggerezza nelle nostre anime, non appena la Fanciulla (Natura che si rigenera), ora rinnovata e nata dalle ceneri della Vecchia, si sveglierà e seppellirà le dita dei piedi nella polvere della nostra Terra, ancora una volta, portando fioriture e nuova vita ad ogni tocco sulla Terra.

Imbolc è una delle feste pagane del fuoco che vedono alcune celebrazioni di questo sabbat svolte intorno a falò e fiamme che raggiungono il cielo scoppiettando dolcemente mentre canti, balli e racconti vengono svolti accanto al ardore delle fiamme. Un calore creato e onorato in riverenza al sole che ritorna che ora sta cambiando le sorti e vincendo la battaglia per dominare il cielo sopra di noi.

Santa Brigida (Brigid)

Ma Imbolc o Imbolg ( [ɪˈmˠɔlˠɡ] ),  è una celebrazione chiamata anche ( Saint ) Brigid’s Day ( irlandese : Lá Fhéile Bríde , gaelico scozzese : Là Fhèill Brìghde , Manx : Laa’l Breeshey ). Festa tradizionale gaelica che segna l’inizio della primavera, a metà strada tra il solstizio d’inverno e l’equinozio di primavera.  Si dice che il significato derivi dal vecchio significato irlandese “Nella pancia” , che sta a simboleggiare che la nuova bella stagione è in gestazione. Storicamente, è una festa che è stata ampiamente osservata in tutta l’Irlanda, Scozia e l’ isola di Man . È uno dei quattro festival stagionali gaelici, insieme a Bealtaine , Lughnasadh e Samhain . Per i cristiani, soprattutto in Irlanda, è la festa di Santa Brigida.
Imbolc è menzionato nella prima letteratura irlandese e ci sono prove che suggeriscono che fosse anche una data importante nei tempi antichi. Si ritiene che Imbolc fosse originariamente una festa pagana associata alla dea Brigida e che sia stata cristianizzata come festa di Santa Brigida, trasformando la dea pagana in una santa cristiana.

Si diceva che la divinità Brigid fosse nata alle prime luci dell’alba con una corona di fuoco che brillava dalla sua testa, da una delle razze soprannaturali conosciuta come Tuatha Dé Danann. Era la dea della Primavera, delle arti, dei mestieri, della poesia, della medicina e dell’umile fabbro. Il suo nome deriva dal vecchio irlandese “Breo saighit” che significa freccia infuocata. Dove Brigid camminava, fiori e trifogli crescevano e lei irradiava ispirazione, conoscenza e guarigione con la luce che la circondava.

Brigid, la dea pagana, è nota da tempo per essere la dea a cui pregare, meditare e lasciare offerte per coloro che desiderano saggezza e guida.

Brigid sposò Bres, un re dei Tuatha Dé Danann ma in guerra con il suo stesso clan. Si sperava che il loro matrimonio fosse uno spiraglio per calmare la tensione tra le famiglie in conflitto, tuttavia le ostilità si accuirono. Suo figlio Ruandan perse la vita in battaglia e Brigid era così sconvolta che mentre cantava e piangeva sul corpo di suo figlio, le sue grida armoniche si udirono in lungo e in largo per l’Irlanda e così iniziò la tradizione di acutarsi alle veglie dei morti. Per Brigid il dolore fu così forte che per il resto della sua vita si dedicò alla guarigione e in seguito alla morte di suo figlio divenne la protettrice dei bambini e del parto. Il suo santuario è stato creato all’interno di un’antica quercia druidica a Kildare, così sacra che nessuna arma poteva essere portata al suo interno. Le sue sacerdotesse si prendevano cura della sua fiamma perpetua, il fuoco sacro di Brigid, una ogni giorno per diciannove giorni e il ventesimo giorno sarebbe stata Brigid stessa ad assistere alla fiamma. Si diceva che Brigid visitasse le case in questo momento dell’anno e che sarebbe stato preparato un letto, cibo e bevande per accoglierla e invitarla alle benedizioni. Anche i capi di abbigliamento sarebbero stati disposti per ricevere il suo tocco divino.

Come le altre feste, la data di Imbolc riguarda l’allineamento dei monumenti megalitici con il sole come il “Tumulo degli Ostaggi” sulla Collina di Tara. Si tenevano feste e si accendevano fuochi come parte della celebrazione e della divinazione di Imbolc. Candele e fuochi venivano accesi in riconoscimento della luce perpetua di Brigid ed era il momento di cercare presagi del futuro.

I pozzi della dea venivano circondati in direzione del sole mentre le preghiere erano recitate per una buona salute. L’acqua veniva poi presa per il bestiame, la famiglia e per benedire la casa.

Santa Brigida nella religione Cattolica

Si dice che Brigid sia vissuta dalla metà del V all’inizio del VI secolo, nata in una famiglia di druidi. Sua madre fu convertita al cristianesimo da San Patrizio in persona e la giovane Brigid fu allevata con il latte di una mucca che le apparve, una storia raccontata anche riguardo a Brigid la Dea. Brigid era una bambina benedetta e religiosa, quindi non sorprende che abbia promesso la sua vita a Dio e abbia iniziato il suo percorso di guarigione. Dopo aver ricevuto il velo da St. Macaille, andò a Kildare e costruì un monastero per i monaci e uno per le sue monache, diventando la prima badessa d’Irlanda alla fine del 5 ° secolo. Si dice che abbia scelto questo luogo per seguire l’opera della dea, assumendo la fiamma perpetua come simbolo della luce della nuova cristianità che era ancora così estranea agli irlandesi. In un altro cenno alla dea del fuoco, Santa Brigida fondò una Scuola d’Arte specializzata in lavorazione dei metalli e illuminazione, da cui provennero alcune delle opere più impressionanti dell’epoca, tra cui il leggendario Libro di Kildare. Brigid era venerata soprattutto per il suo lavoro con i poveri e gli ammalati, in particolare le donne, e questo a sua volta la portò alla sua venerazione e santità. Ci sono pozzi in tutta l’Irlanda conosciuti come i pozzi di Brigid e si dice che le acque siano miracolose e promuovano la guarigione e la buona salute. I pellegrinaggi si svolgono in ciascuno di questi santuari e sono più importanti oggi come lo sono da sempre.

La Croce di Santa Brigida

Si pensa che la croce stessa fosse un simbolo di gran lunga anteriore al cristianesimo e appartenesse a riti pagani di protezione. Detto questo, la storia della croce relativa a Santa Brigida è quella portata avanti nei secoli. Brigid era seduta al capezzale di un capo morente e lei lo distrasse facendo una croce dai giunchi che si trovavano nelle vicinanze. Quando ha spiegato il significato della croce, si diceva che il capo avesse visto la luce e fosse stato battezzato lì sul letto di morte.

Oggi ci sono laboratori e raduni di persone che si uniscono per creare la croce al fine di onorare Santa Brigida e la sua festa il 1 ° febbraio. Ci sono diversi tutorial on-line per imparare a crearla. Noi stessi ne abbiamo una in casa vicino alla porta di casa: si dice che mettendola nel vestibolo produca effetti benefici a chi entra e agli occupanti della casa.

Non c’è dubbio che la leggenda della dea Brigida e la vita di Brigida la santa si siano intrecciate inestricabilmente sin dal primo medioevo e fino ad oggi. Che si creda in Brigid la dea oppure a Brigid la santa o in entrambi i casi, il messaggio di creatività, guarigione e nuova vita è lo stesso, lasciando l’oscurità dietro mentre ci si muove verso il sole.

Vi auguro un felice giorno di Santa Brigida e tante benedizioni di Imbolc!

Féach tú go luath

Unisciti a noi:

FACEBOOK: Entra nel nostro clan “VIVIRLANDA.IT” e supporta la nostra  pagina  IRLANDAONTHEROAD.IT con un “mi piace”

INSTAGRAM: IRLANDAONTHEROAD.IT

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Condividi su Facebook
Share on telegram
Condividi su Telegram
Share on twitter
Condividi su Twitter
Share on vk
Condividi su VK
Share on linkedin
Condividi su Linkdin
Share on pinterest
Condividi su Pinterest