Il Blog per chi ama l'Irlanda

OSTARA – Viaggio sulla ruota dell’anno Celtico

Il giorno di San Patrizio viene celebrato a pochi giorni dall’equinozio di primavera. Potrebbe essere che il Festival dell’equinozio di primavera sia stato cristianizzato al giorno di San Patrizio e che questa conoscenza sia andata persa nel tempo? Alcuni ipotizzano che la stretta vicinanza dell’equinozio di primavera al giorno di San Patrizio sia dovuta a una fusione di antiche tradizioni celtiche con rituali cattolici più moderni.

Un tempo onorato dai nostri antenati e da tutta l’umanità da tempo immemorabile e segnato da grandi celebrazioni e monumenti allineati astrologicamente, in occasione del trionfo del Sole sull’oscurità dell’inverno.

L’equinozio di primavera, festa di Oestara, Alban Eiler (“Luce della Terra”) è l’inizio della metà dell’anno in cui il sole è più forte e la durata delle giornate è uguale a quella delle notti. San Patrizio ha portato la “luce” di un altro sole, il figlio di Dio in Irlanda, gli adattabili Celti irlandesi potrebbero aver semplicemente ribattezzato il festival dell’equinozio di primavera al giorno della festa di San Patrizio.
È considerato l’inizio della primavera e le giornate si allungheranno fino al solstizio d’estate di giugno. In Irlanda l’equinozio di primavera si verifica sabato 20 marzo 2021 alle 9:37. Oggi è la prima “notte di parità” dell’anno, rendendo tecnicamente il primo vero giorno di primavera secondo la tradizione; anche se il tempo in tutta Europa in questo momento vorrebbe farci credere il contrario. Questo perché questo è quello che viene chiamato il primo giorno di primavera “astronomico”, che differisce dal “meteorologico” che utilizza temperature e altre misure.

L’equinozio di primavera rappresenta il ritorno della luce e della vita, nuovi inizi, nuovi semi, la nascita di cuccioli di animali e l’emergere di fiori dai colori vivaci.

L’equinozio è la data (o il momento) che alcuni allineamenti astronomici in Irlanda vengono considerati di buon auspicio. Nuova vita esplode in tutto il paesaggio, narcisi e fiori primaverili iniziano a sbocciare e inizia la stagione degli agnelli. Nell’antica Roma, era tradizione piantare semi in questo giorno, un’usanza che persiste ancora in alcune zone tra cui la Sicilia. In India, presto celebreranno Holi, la festa del colore. In Iran, celebrano il Nowruz, o “nuovo giorno”, per celebrare il capodanno persiano. In occasione di un altro capodanno, la Thailandia godrà del suo Songkran Water Festival; “Songkran”, che significa “passaggio astrologico”. È anche il tempo della Pasqua ebraica per gli ebrei e il tempo in cui i cristiani celebrano la risurrezione di Cristo, fondamento della loro fede, la domenica successiva al plenilunio pasquale. La luna piena pasquale è la luna piena ecclesiastica successiva al 20 marzo. La luna piena ecclesiastica è formalmente la quattordicesima luna nel calendario del mese lunare e poiché la data del calendario cambia di anno in anno, la domenica di Pasqua è stata chiamata la “festa mobile”. Naturalmente, la “Pasqua” ha origini precristiane molto più antiche nella forma di Ostara o Ēostre; nome di una dea teutonica della primavera e della fertilità. Come con il Natale (che cade immediatamente dopo il solstizio d’inverno) molte delle tradizioni associate a questo evento astrologico hanno un’origine precristiana.

I primi costruttori irlandesi (se possiamo chiamarli così) dei grandi tumuli neolitici e megalitici erano chiaramente molto in sintonia con questo passaggio del sole durante l’anno. Le pietre erette e il grande tumulo artificiale ne sono una testimonianza. Molte persone sanno già che Newgrange, nella contea di Meath, è un sito del Solstizio d’Inverno. Il suo passaggio si riempie della luce del sole nascente il 21 dicembre. Ma meno sanno che uno dei suoi tumuli gemelli nella Valle del Boyne è stato costruito come sito dell’equinozio.

L’equinozio, che si svolge intorno al 20 marzo e al 22 settembre, è il momento in cui il piano dell’equatore terrestre passa il centro del Sole. Cioè, è quando l’asse terrestre si trova in un angolo esatto di novanta gradi rispetto a una linea immaginaria tra i centri del Sole e della Terra. Ciò accade due volte l’anno quando l’oscillazione dell’asse terrestre raggiunge un punto medio neutro. “Equinozio” è una parola che proviene dal latino, che letteralmente si traduce come “notte uguale”. L’equinozio è il giorno in cui la Terra “sta in piedi”.

Nelle società agricole, l’equinozio segnerebbe le stagioni e inquadrerebbe anche determinate attività e aspettative. Prendiamo ad esempio le galline. Loro (in senso molto ampio) hanno bisogno di dodici ore di luce del giorno per deporre uova di qualità. Il momento principale per procurarsi le uova è tra l’equinozio di primavera e l’autunno.

Sebbene l’equinozio sia considerato l’inizio astronomico della primavera e dell’autunno, le celebrazioni dello stesso non si verificano durante l’equinozio, in Irlanda. La primavera, ad esempio, inizia il giorno di Santa Brigida, il 1 ° febbraio o Imbolc.

Buon Equinozio di Primavera a tutti.

Féach tú go luath

Unisciti a noi:

FACEBOOK: Entra nel nostro clan “VIVIRLANDA.IT” e supporta la nostra  pagina  IRLANDAONTHEROAD.IT con un “mi piace”

INSTAGRAM: IRLANDAONTHEROAD.IT

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su telegram
Condividi su Telegram
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su vk
Condividi su VK
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest