Il Blog per chi ama l'Irlanda

Ricetta natalizia tradizionale irlandese e un po’ di storia

Per gli antichi antenati irlandesi, le ricette natalizie non erano contenute in bei libri pieni di belle immagini. Non ne avevano bisogno. La festa invernale era un momento gioioso da celebrare utilizzando metodi di cottura che erano stati tramandati, di solito oralmente, di generazione in generazione.
Oche, anatre, grandi fianchi di manzo, pecora e maiale venivano girati allo spiedo nelle sale dei capotribù in epoca paleocristiana e medievale. Nei secoli successivi, lo spiedo era diventato il forno della cucina e, verso la fine del XVIII secolo, la frutta e la verdura cominciarono a comparire più pesantemente sulla tavola durante del festività Natalizie in Irlanda.
Ricette con sugna di manzo, frutta secca mista e whisky in torte e budini non tanto dissimili da quelli che ogni anno compaiono sulle moderne tavole festive hanno iniziato ad acquisire uno status stagionale.
I preparativi dei dolci e dei budini iniziavano settimane prima. Così come la macellazione dei bovini e suini. Questi ultimi venivano condivisi con altre famiglie.

Mentre la maggioranza dei poveri condivideva semplicemente con i loro parenti stretti e vicini, la divisione tradizionale tra la piccola nobiltà era la seguente all’inizio del XIX secolo:

  • La testa, la lingua e i piedi: al fabbro;
  • le piccole costole attaccate ai quarti posteriori: al sarto;
  • i reni: al dottore;
  • la mammella: all’arpista;
  • il fegato: al falegname;
  • il midollo: all’uomo che si dedica a eseguire lavori vari;
  • il cuore: al pastore;
  • un pezzo a ciascuno personalmente scelti: all’ostetrica e allo stalliere;
  • sanguinacci e salsicce: il contadino.

Per la nobiltà d’Irlanda, il cibo natalizio significava enormi banchetti di carne, pesce, verdure, salse cremose e ogni sorta di dolci, prelibatezze annaffiate da abbondanti quantità di bevande alcoliche. Ma per la maggior parte degli antenati irlandesi, le ricette natalizie producevano piatti piuttosto più sostanziosi. Sebbene fossero meno ricchi di cibi di cui godevano coloro che si trovavano più in alto nella scala sociale, erano tuttavia eccezionalmente lussuosi per il palato di una popolazione che viveva a livello di sussistenza (o peggio) per gran parte dell’anno.

Di seguito sono riportate brevi descrizioni delle tipiche ricette natalizie irlandesi apprezzate ancora oggi.

Arrosto di oca

L’oca è sempre stata il cibo festivo numero uno per le celebrazioni come i matrimoni e le celebrazioni natalizie che si svolgevano tra settembre e Natale. Ripiena di erbe e frutta, veniva bollita ma nel XIX secolo si era passata alla cottura al forno per arrostirla, farcita con cipolle, pancetta e patate, o con mele e patate. Il tacchino arrosto non è diventato la prima scelta delle ricette natalizie irlandesi fino al XX secolo. Sebbene non sia limitato alla tavola della cena di Natale irlandese, il prosciutto cotto è un altro piatto spesso servito con l’oca. È molto probabile che tre tipi di patate compaiano preparate in varie forme per il pranzo di Natale: arrosto, bollite e schiacciate, oltre a pastinaca arrosto, svedese bollita o schiacciata, cavoletti di Bruxelles e cavolo.

Come preparare l’oca

Preparare prima il ripieno (vedi sotto). Occorre consentire di ottenere almeno 450gr di peso crudo a tavola. Supponendo che l’oca sia già sventrata, occorre solo lavarla e asciugarla e tagliare il grasso in eccesso intorno alla cavità del collo. Bucherellare la pelle dappertutto e strofinarla con limone e condimento. Condire la cavità principale con sale e pepe macinato fresco e riempirla con il ripieno raffreddato.

Mettere l’oca in una teglia e cuocere in forno molto caldo a 240° C, per dieci minuti, poi ridurre la fiamma a 180° C e cuocere per 2 ore o 2 ore e mezza,  ma togliere l’oca dal forno tre o quattro volte per eliminare il grasso in eccesso. Se non lo si fa, l’oca avrà un sapore molto grasso. Per verificare se è cotto, pungi nella parte più spessa. Quando i succhi saranno limpidi, il il piatto forte della cena di Natale sarà pronto.

Ripieno di mele e patate, per un’oca da 4,5 kg:

  • 900 g di patate;
  • 450 g di mele da cucina, sbucciate e tritate;
  • 450 g di cipolle tritate grossolanamente;
  • 55 g di burro;
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato;
  • 1 cucchiaio di melissa tritata;
  • sale e pepe.

Procedimento: Lessare le patate in abbondante acqua salata. A cottura ultimata schiacciare senza usare latte o burro. Sciogliere il burro in una padella e, a fuoco basso, soffriggere le cipolle per cinque minuti senza farle dorare. Aggiungere le mele e cuocere finché non si saranno ammorbidite. Incorporare il purè di patate, il prezzemolo e la melissa. Lasciar raffreddare prima di farcire l’oca.

Buon appetito e Buon Natale a tutti voi

Féach tú go luath

Unisciti a noi:

FACEBOOK: Entra nel nostro clan “VIVIRLANDA.IT” e supporta la nostra  pagina  IRLANDAONTHEROAD.IT con un “mi piace”

INSTAGRAM: IRLANDAONTHEROAD.IT

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su telegram
Condividi su Telegram
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su vk
Condividi su VK
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest