Il Blog per chi ama l'Irlanda

TRISKELL: Simbolo antico come il mondo

Non ne siamo consapevoli, ma viviamo avvolti da una marea di energie sottili che influenzano spesso il nostro umore e il nostro stato di salute. Diamo la colpa a questo oppure a quello, senza renderci conto che tutta la materia, compreso il nostro corpo fisico, è un collettore di queste energie. Cioè anche il nostro corpo raccoglie e incanala energia sia negativa che positiva, prodotta da noi o da altri e che noi trasferiamo. Avete mai provato una sensazione strana di rifiuto quando si incontra per la prima volta una persona benché non la si conosca affatto? Oppure al contrario di una estrema energia positiva e di una strana leggerezza dell’anima che viene percepita dai nostri sensi? Beh, quella è la capacità del nostro corpo di percepire l’energia dell’altro.

I nostri stessi pensieri ed emozioni sono energia e le antiche culture, come quella celtica lo avevano non solo intuito, ma anche capito perfettamente ed avevano imparato ad usarla. Credevano che gli alberi servissero da antenne, cosicché le energie sottili e le informazioni presenti in natura potessero fluire dalla Terra alle stelle e pianeti e viceversa da tutti i corpi celesti alla Terra.

Avevano compreso che anche le stelle e i pianeti sono esseri viventi che comunicano fra loro attraverso l’emissione di campi elettromagnetici e influenzano la nostra vita, attitudini e comportamenti. Ciò può essere spiegato analizzando la Legge di Gravitazione Universale. Tale principio afferma che due corpi (celesti) esercitano un’attrazione reciproca che è direttamente proporzionale alle loro masse e inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza. Noi viviamo su un corpo celeste e quindi subiamo le stesse influenze che subisce la Terra, basti pensare alla Luna, che con i suoi ritmi regola molte attività umane da secoli. Ma anche noi umani e tutti gli esseri viventi presenti sulla Terra influenziamo il Pianeta. Ce lo insegnavano i nostri antichi antenati! Ogni cosa ed ogni essere ha coscienza e canalizza questa energia secondo le sue possibilità, per agevolare questo dialogo cosmico essenziale. Infatti, essi capivano che tutta la materia, incluso il corpo fisico, è un collettore di questa energia universale. Riconoscevano che i nostri pensieri ed emozioni sono una forma di energia che quando sono in armonia con il campo di energia vivente dell’universo, diventano dei canali puliti.

Senza addentrarci troppo nell’aspetto scientifico, questa premessa ci consente di comprendere il motivo per cui gli antichi nostri antenati utilizzavano dei simboli per comunicare questi concetti universali, a dire il vero un po’ complicati, che fossero decifrabili anche da menti semplici.

 

 

Uno dei simboli più importanti conosciuti è il Triskell. Qualche giorno fa parlavo con un signore irlandese di Sligo, conosciuto quasi per caso, il quale mi spiegava che il Triskell (trascritto anche come triskel, triskèle , triscèle, trisquelle, triskellion) è la rappresentazione della triade pagana dei tre elementi fondamentali: TERRA, ACQUA e FUOCO. In realtà mi sarei aspettata l’interpretazione che diede S. Patrizio ai fedeli convertiti al cristianesimo quando spiegò la Trinità Cristiana con l’ausilio del trifoglio. Ma il signore in questione mi fece capire che l’interpretazione cristiana è stata mutuata da un concetto filosofico molto antico. Il suo significato è analogo alle credenze magiche che riguardano il numero 3, definito il numero perfetto anche dalla religione cattolica perché rappresenta la trinità cristiana (Padre Figlio e Spirito Santo).

Sapendo che gli elementi fondamentali sono quattro (Terra, Acqua, Aria, Fuoco), incuriosita allora gli chiesi: “E l’aria da cosa è rappresentata?” L’uomo mi guardò stupito rispondendomi che i tre elementi fondamentali per la vita sono TERRA, ACQUA e FUOCO: la triplice composizione del cosmo secondo la tradizione celtica. Questa sua convinzione mi ha veramente spiazzata, tanto che credo si sia accorto che davanti ai miei occhi erano comparsi due grossi punti interrogativi. Sorridendo continuò la spiegazione aggiungendo che l’acqua rappresenta anche l’aria allo stato liquido. Ma il simbolo può essere associato al tempo stesso al concetto di passato, presente e futuro; oppure, benché molto più tardivo come significato, alla triplice composizione dell’uomo alchemico composto da spirito, anima e corpo (mercurio, zolfo e sale).

Ma il triskell può anche schematizzare la triplice composizione della società celtica, tipicamente indoeuropea, con le sue tre classi: quella guerriera, quella sacerdotale e quella produttiva.

Su questo argomento non mi dilungo e vi suggerisco di contattare Stefano Bizzotto direttore didattico dell’ “Associazione Omphalos Centri Discipline Energetiche” la cui sede principale è a Padova (Villafranca Padovana), che da qualche anno ha portato avanti un progetto molto interessante che riguarda proprio l’essere umano come il depositario della Trinità Celtica.

Visitate inoltre la pagina dell’Associazione dove viene espressa, dallo stesso Maestro Stefano Bizzotto, l’anima del progetto Triskellway  che si propone di aiutare, chi  vuole, a scoprire il significato dei 3 Fulcri Essenziali per l’Equilibrio della Vita (cito testuali parole).

Vi do una piccola anticipazione citando una frase dal loro sito:

… Cosi nel 2003 nasce il Clan I GUARDIANI DELL’OMPHALOS in cui recuperiamo e viviamo i valori della cultura Celtica. Tanto li abbiamo incorporati e li abbiamo fatti nostri che nel Marzo 2016 sono stato invitato ad esporre alcuni nostri principi alla conferenza nella GIORNATA MONDIALE DALLA FELICITA’ presso le NAZIONI UNITE A NEW YORK.
Noi Guardiani dell’Omphalos abbiamo scelto di vivere in sintonia tra il passato ed il presente costruendoci il futuro che desideriamo attraverso i
“3 Fulcri Essenziali per l’Equilibrio della Vita“ – Stefano Bizzotto

… e presentandovi Stefano Bizzotto tramite un video – che troverete su YouTube – girato durante il suo intervento alle Nazioni Unite a New York in occasione della “Giornata Mondiale della Felicità”

La triade era il sistema con cui i Celti concepivano il mondo e la divinità; ogni dèa, per esempio, aveva una triplice funzione, quella di Vergine-Madre-Anziana, oppure di Figlia-Madre-Sorella; ogni dio, allo stesso modo, era Bambino-Padre-Cacciatore, oppure Figlio-Padre-Fratello. Tutte queste figure esprimono i cicli e i ruoli della vita: Inizio, Fertilità e Senilità (quest’ultima si collega alla morte che, come la nascita, è la porta verso un’altra vita). Queste raffigurazione sono anche la rappresentazione del Dio Unico i cui doni sono la Forza, la Saggezza e l’Amore (che in sé contiene la Bellezza).

La Trinità rappresenta i Tre Mondi che compongono l’universo visibile e invisibile: il Mondo dell’Assoluto, il Mondo Spirituale e il Mondo Umano o della Prova. Rappresenta le tre fasi del sole quanto si manifesta ai nostri occhi: Alba, Mezzogiorno, Tramonto. Rappresenta la triplicità di ogni essere umano, che è fatto di Azione (corpo, emozioni), Sentimento e Pensiero (collegato ad anima e spirito) e attraversa tre età: Infanzia, Maturità e Vecchiaia.

Meditando su quanto abbiamo poc’anzi esposto, possiamo dire che il TRE si è fatto UNO. Ogni essere umano è composto dalle tre raffigurazioni sopra descritte, correlate l’una con l’altra in un ciclo continuo di vita e di morte all’interno del mondo materiale ma che fa parte di un ciclo più ampio nel riquadro generale della cosmogonia che comprende anche l’aspetto spirituale.

Il significato del Triskell è così forte e radicato in Irlanda che sulle colline a fianco del lago di Glencar al confine fra le contee di Sligo e Leitrim, sono stati piantati alberi in modo che creano un Triskell che appare e scompare sulle Dartry Mountains a seconda delle stagioni (vedi foto sotto).

Il Triskell rappresentato da alberi – Photography by Simonetta Ecchia

 

Questo nodo Celtico è formato interamente da alberi piantati intorno agli anni ’80 che hanno una straordinaria particolarità. Il nodo scompare a primavera quando gli alberi, rinnovando le foglie, tornano ad essere verdi. Riappare, invece, in autunno quando le foglie seccandosi diventano di un bel colore rosso ramato, concentrando per il periodo invernale una notevole energia nella zona.

Abbiamo ancora tanto da imparare dagli antichi affinché ci si possa unire al cosmo in modo armonico. L’uomo nel tempo si è estraniato dalle leggi di quelle forze sottili, ma che ci parlano tutti i giorni, però non vogliamo ascoltare. Troviamo il tempo per stare con noi stessi avvolti nella natura delle cose che ci circondano: l’Irlanda è il posto ideale per farlo.

Féach tú go luath

Unisciti a noi:

FACEBOOK: Entra nel nostro clan “VIVIRLANDA.IT” e supporta la nostra  pagina  IRLANDAONTHEROAD.IT con un “mi piace”

INSTAGRAM: IRLANDAONTHEROAD.IT

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su telegram
Condividi su Telegram
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su vk
Condividi su VK
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest